Mamma ha l’emicrania!

“Mamma ha l’emicrania e ora bisogna lasciarla riposare!” Il figlio di una donna emicranica cresce con la consapevolezza che la vita della propria mamma è sporcata da vari momenti di assenza. Momenti in cui ci si sente derubate del proprio tempo. Un abbaglio avvisa che nelle prossime ore saremo punite. La vista è decorata da luci ad intermittenza, il panico prende il sopravvento e inizia  il combattimento. Ti distacchi dalla realtà, hai paura oggi come dieci anni fa. Il tuo bambino ti guarda, sa che dovrà rinunciare alla sua mamma. In quei momenti non sei nulla, sei uno straccio al dominio della bestia che senza pietà ruba giorni alla tua vita. Sei arrabbiata, spaventata, rassegnata. La tua vita non sarà mai tranquilla. Ogni pensiero bello e ogni possibile esperienza di vita  saranno oscurate dal timore che la bestia possa arrivare. Piangi ancora come l’ultima volta. Ti ripeti che dovrà passare come sempre. Non ci credi molto. Ogni volta sembra peggio. Il tuo bimbo ti guarda e ti chiede ogni minuto se stai meglio con i pezzi della lego  ancora sul pavimento. Anche lui ha rinunciato a giocare e aspetta te. Quell’attesa è straziante. Non è il tuo bambino che deve pagare.  Lo stringi forte a te e lo culli. Lui culla te e la tua anima. È la tua cura, è il tuo ometto e tu la sua mamma fortunata. Il mio bimbo crede che siano i suoi bacini a farmi guarire. Glielo lascio credere. In fondo è la verità. Mi accarezza le ferite con maestria. L’amore vince. Care mamme dobbiamo lottare. Non moriremo di emicrania, ma quanto è difficile la nostra quotidianità? Un tamburo incessante nella testa. Una tenaglia che spacca il cranio. Dolore e nausea. Confusione. Lottate con amore. Lottate quando siete in macchina e la bestia vi colpisce. Lottate quando fate il bagnetto al vostro bimbo. Lottate quando vorreste seguirlo nei compiti. Lottate ogni volta che desiderate essere normali. Lottate con amore e con il sorriso tutte le volte che non comprenderanno il vostro malessere. Siate forti quando il vostro banale mal di testa farà sorridere o scocciare chi vorrebbe stare con voi in armonia. Anche quello è amore. Impariamo a non rinunciare. Impariamo a non mollare. Abbiamo incassato tanti colpi. Siamo esagerati, siamo folli, siamo intolleranti. C’è chi ha scritto anche che abbiamo un cervello speciale. Che fatica essere speciali e particolarmente intelligenti! Che fatica sopportare l’ignoranza di chi non sa viverci. Insegnate ad amare voi che sapete lottare.

Enza Chiocca

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...